Giovanni seneca ecanes quartet

Giovanni Seneca Ecanes Quartet

Giovedì 27 luglio - ore 21

« indietro
ecanes_webres
ecanes_webres

Giovanni Seneca chitarre, composizioni e arrangiamenti
Francesco Savoretti, percussioni
Gabriele Pesaresi, contrabbasso
Anissa Gouizi, voce

 

Il primo evento della rassegna "Serate musicali in cantina 2017" si svolgerà giovedì 27 luglio alle ore 21 nel cortile della Fattoria Le Terrazze, in via Musone 4 - Numana. 

INGRESSO GRATUITO

Cena pre-concerto facoltativa a cura di Guasco Caffè
(Prenotazione obbligatoria: tel. 071 7390352 - € 18 bevande escluse)

 

Ecanés è un progetto musicale di Giovanni Seneca. Le sue chitarre e le sue composizioni ci guidano in un percorso che fonde la tradizione classica con quella popolare utilizzando stilemi che provengono da diverse aree musicali. La voce versatile di Anissa si fonde con gli strumenti interpretando alcuni canti tradizionali che abbracciano l'insieme delle tradizioni mediterranee in varie lingue e dialetti: ladino, francese, greco, serbo-croato, arabo, napoletano, pugliese, abruzzese, marchigiano . L’utilizzo di diversi tipi di chitarre (classica, battente e flamenca) esalta le sfumature di ogni composizione. Di particolare interesse l’utilizzo della chitarra battente, tipica della tradizione del sud Italia fin dal XIV secolo. Il suono di questo antico strumento è inconfondibile ed è diametralmente opposto a quello delle normali chitarre ed è più simile ad un clavicembalo o un saz. E’ ancora molto usato nella musica tradizionale, ma in questo cd attraverso le composizioni di Seneca approda a nuove sonorità che ne esaltano la sua anima antica e popolare al tempo stesso. Le percussioni e il contrabbasso fanno da contrappunto a questo percorso estetico. I musicisti proiettano la tradizione in una dimensione internazionale rivisitando con passione l’eredità musicale. Le tarante e i saltarelli si uniscono così alle culture del mediterraneo e alle composizioni originali in un un contrasto cangiante di stili, citazioni e suggestioni musicali sintetizzate in un linguaggio personalissimo.Le timbriche antiche e mediterranee come quelle del riq, della darbuka o dei tamburi a cornice accompagnano l’ascoltatore in questo viaggio nel tempo e nelle culture, ricreando un paesaggio sonoro unico e avvolgente.

Approfondimenti:  www.giovanniseneca.it